Ho fatto una cosa nuova, si chiama Guido

7 gennaio 2015
Argomenti:

Come scegliere un tema di WordPress: una guida minimalista in 14 punti

  1. La cosa più importante: prima di iniziare analizzate e definite con la massima precisione possibile le vostre esigenze e gli obiettivi che volete raggiungere. A cosa serve il sito? Chi lo deve usare? Come? Che obiettivi deve aiutarvi a raggiungere? Insomma: fate un piano.
  2. Non date peso alle demo dei temi che trovate in giro: sono fatte per vendere, sono fatte da persone che conoscono il tema che devono vendere in tutti i suoi dettagli, e in generale spesso traggono in inganno.
  3. Al contrario, analizzate e definite con la massima precisione possibile i contenuti che il sito dovrà ospitare. Saranno quelli a guidarvi nella vostra scelta.
  4. Sul layout avete poca voce in capitolo. La cosa migliore da fare è scegliere qualcosa che risuoni il più possibile con l’identità visiva del progetto che state portando avanti – ma sempre tenendo al centro di tutto i contenuti.
  5. Questo significa che se dovete fare un blog pieno di cose scritte scegliere un tema da portfolio non ha senso, nemmeno se il tema da portfolio da vedere è fighissimo, e così via.
  6. Quando avete individuato un tema che vi interessa fate tutta la ricerca possibile sullo sviluppatore del tema: chi è? Che altri temi ha fatto? Che reputazione ha? Eccetera. Solo i migliori devono sopravvivere.
  7. Leggete tutte le recensioni sul tema che riuscite a trovare. Entrate in tutti i forum di supporto del tema in cui riuscite a entrare. Leggete le FAQ, se ci sono. Leggete le FAQ pre vendita, se ci sono.
  8. Leggete la documentazione ufficiale. Se non è disponibile scrivete per chiederla. Dite che è cruciale per finalizzare la vendita. Studiate la documentazione ufficiale da cima a fondo.
  9. Il tema deve essere responsive. Non ci sono alternative. Usate ish per testarlo.
  10. Se il tema è integrato con Google Fonts è meglio, così potete cambiare font scegliendo da una libreria ricca e di buona qualità.
  11. Il tema deve essere – per quanto può – fatto per gli schermi Retina e gli altri schermi ad alta densità, quindi deve avere icone e altre risorse grafiche in SVG, o – alla peggio– usare icon fonts.
  12. Il tema deve mettervi a disposizione un pannello di controllo per modificare le funzionalità principali e la palette di colori – tutti i colori no, ma la palette sì.
  13. Il tema deve avere pulsanti social e post correlati out-of-the-box: non appoggiandosi ad altri plugin, ma integrati nativamente nel tema.
  14. Il tema deve essere studiato per fare bene una cosa sola: diffidate dai temi multi funzione, spesso sono grossi, pesanti, difficili da usare e da mantenere.

Ti va di iscriverti alla mia newsletter?

Più o meno una volta al mese scrivo una lettera ai miei amici, dove parlo di fatti miei, delle cose che faccio e delle cose che penso. Se vuoi scrivo anche a te, e diventiamo amici: basta che scrivi il tuo indirizzo email qui sotto, e clicchi sul pulsante.

Se ti iscrivi accetti le cose sulla privacy.